Conclusi i corsi intensivi di potatura, nel Salento leccese il primo concorso regionale di potatura dell’olivo

Anche la Puglia mette in campo i migliori potatori in vista del decennale del Campionato Nazionale di potatura dell’olivo allevato a vaso policonico “Forbici d’Oro”, che si terrà ad Ascoli Piceno il 23-25 marzo 2012.  Grazie alla sinergia tra la Casa dell’Olivo – Oleoteca d’Italia  e il Frantoio Andrea Melcarne di Gagliano del Capo, il Salento ha visto nel mese di febbraio 2012 la realizzazione di ben due corsi professionali di potatura e della prima edizione del Concorso Regionale di Potatura dell’Olivo in Puglia. Grande partecipazione di giovani e tecnici, e soprattutto ammirevole l’entusiasmo, la sete di conoscenze tecniche e la voglia di “cambiare sistema”.

 

Giorgio Pannelli, già CRA OLI sezione di Spoleto e Barbara Alfei, Assam – settore olivicoltura, hanno guidato i corsisti alla scoperta delle tecniche di potatura dell’olivo a vaso policonico, per una rigorosa e coerente riforma delle monumentali piante di olivo del Salento, con l’obiettivo di portare il sistema alla produzione di olio extravergine di oliva di alta qualità e ad un rinnovamento dell’impostazione economica delle principali attività agronomiche dell’azienda olivicola.

 

Domenica 26 febbraio si è tenuta a Gagliano del Capo (LE) la Prima Edizione del Concorso Regionale di Potatura dell’Olivo allevato a vaso policonico – Puglia. Sono stati in 18 partecipare, tra cui una rappresentante del gentil sesso – Jolanda De Nola, armati di seghetto con prolunga, si sono cimentati nella potatura di riforma di 3 piante a testa, in un tempo massimo di 45 minuti, in una forma di allevamento poco “familiare” ai più prima del corso di formazione, effettuando le operazioni rigorosamente da terra.La Giuria, composta da Giorgio Pannelli e Barbara Alfei – Comitato Scientifico Campionato Nazionale di potatura dell’olivo, coadiuvati da Francesco Caricato – Direttore della Casa dell’Olivo – Oleoteca d’Italia e Gaetano De Nola – esperto potatore e innovativo olivicoltore della zona,  ha valutato i concorrenti per i parametri conformazione della cima, equilibrio tra le branche primarie, numero e disposizione delle branche secondarie, equilibrio vegeto-produttivo e rispondenza alla conformazione ideale.

Sul podio tutti giovani:

I classificato: Antonello Raffaele di Corsano (LE)

II classificato: De Icco Marco di  Specchia (LE)

III classificato: Manni Filippo di San Severo (Foggia)

Un podio la cui età totale non arriva a 80 anni (età media, purtroppo, degli olivicoltori e potatori salentini di oggi) emoziona e rappresenta una forte speranza per il futuro della terra dell’olivo e dell’olio: qualcosa sta succedendo, un cambiamento epocale è in atto, lentamente è cominciato, per portare finalmente alla adeguata valorizzazione di una cultura che rischia l’estinzione.I tre rappresenteranno la Puglia alla decima edizione del Campionato Nazionale di potatura (Ascoli Piceno 23-25 marzo) e si confronteranno con professionalità selezionate nelle altre regioni italiane.Un augurio che tutti i partecipanti al concorso e ai due corsi professionali di potatura possano diffondere nel territorio salentino le più razionali tecniche di coltivazione dell’olivo e in particolare la potatura, nell’ottica di un aumento della produttività dell’oliveto e di una riduzione dei costi di produzione, ma con l’obbiettivo prioritario di migliorare la qualità dell’olio. Ogliarola salentina e Cellina di Nardò hanno tutte le carte in regola per presentarsi in un mercato di consumatori attenti e consapevoli con le migliori caratteristiche qualitative e di tipicità del prodotto, legato ad un territorio meraviglioso, forte e vigoroso, caldo e generoso, con ancora tante e tante cose da dire.

Questa voce è stata pubblicata in Bacheca. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento